You are here

Angelo Susi

  • SKYPE: angelo.susi
  • Phone: 0461314344
  • FBK Povo
Short bio

I am a researcher in the Software Engineering Unit of the Fondazione Bruno Kessler. I received my degree in Computer Science Engineering from the University of Rome "Sapienza", Italy. I joined the software engineering unit in FBK in 2000. My main research interests are: Requirements Engineering, in the area of requirements elicitation and analysis through informal and formal methods techniques; Search-based software engineering, in particular in the study of meta-heuristics to be applied to the problems of requirements and test cases prioritization and management; Machine learning, with the development of algorithms to be applied to decision-making problems in requirements management. Goal-oriented requirements engineering, where the focus is that of developing and refining several aspects of Tropos methodology, a goal-oriented framework that supports the whole software development process from domain early analysis to the system implementation; Risk analysis, where the study concerns the application of software engineering techniques to the identification and management of risks. 

Research interests
Requirements engineering Goal-oriented requirements engineering Search Based Software Engineering Machine learning
Publications
  1. Anna Perini; Angelo Susi; Fausto Giunchiglia,
    Coordination specification in Multi-Agent Systems. From requirements to architecture with the Tropos methodology,
    14th Internatinal Conference on Software Engineering and Knowledge Engineering [SEKE`02],
    ACM,
    vol.27,
    2002
    , pp. 51-
    54
    , (14th Internatinal Conference on Software Engineering and Knowledge Engineering [SEKE`02],
    Ischia, Italy,
    2002)
  2. Anna Perini; Angelo Susi; Fausto Giunchiglia,
    Designinig Coordination among Human and Software Agents,
    The goal of this paper is to propose a new methodology for designing coordination between human angents and software agents and, ultimately, among software agents. The methodology is based on two key ideas. The first is that coordination should be designed in steps, according to a precise software engineering methodology, and starting from the specification of early requirements. The second is that coordination should be modeled as dependency between actors. Two actors may depend on one another because they want to achieve goals, acquire resources or execute a plan. The methodology used is based on Tropos, an agent oriented software engineering methodology presented in earlier papers. The methodology is presented with the help of a case study,
    2002
  3. Paolo Avesani; Emanuele Olivetti; Angelo Susi,
    Feeding Data Mining,
    Data mining is a complex process that aims to derive an accurate predictive model starting from a collection of data. Traditional approaches assume that data are given in advance and their quality, size and structure are independent parameters. In this paper we argue that and axtended vision of data mining should include the step of data acquisition as part of the overall process. Moreover the static view should be replaced by an evolving perspective that conceives the data mining as an iterative process where data acquisition and data analysis repeatedly follow each other. A decision support tool based on data mining will have to be extended accordingly. Decision making will be concerned not only with a predictive purpose but also with a policy for a next data acquisition step. A successful data acquisition strategy will have to take into account both future model accuracy and the cost associate to the acquisition of each feature. To find a trade off between these two components is an open issue. A fremework to focus this new challenging problem is proposed,
    2002
  4. A. Cesta; G. Cortellessa; A. Oddi; N. Policella; Angelo Susi,
    A Constraint-Based Architecture for Flexible Support to Activity Scheduling,
    Proceedings of AI*IA 2001: Advances in Artificial Intelligence, 7th Congress of the Italian Association for Artificial Intelligence,
    2001
    , pp. 368-
    381
  5. Anna Perini; Angelo Susi; D. Forti; M. Delaiti; A. Dalpiaz; F. Martini,
    PICO Project - Analisi del Dominio Ortofrutticolo,
    Il progetto "Sistemi di supporto alla Protezione Integrata di Colture ortofrutticole ad uso dell'agricoltore e dei tecnici consulenti", di seguito chiamato PICO, si propone di sviluppare strumenti informatici evoluti ad uso degli operatori del settore ortofrutticolo nell'attuazione di pratiche agronomiche basate su principi di protezione integrata e di agricoltura biologica. Il Workpackage 1 del piano operativo del progetto PICO è dedicato all'analisi del dominio ortofrutticolo, atività preliminare all'individuazione dei bisogni informatici degli operatori del settore, rispetto ai quali identificare i requisiti di un sistema informatico. Il presente documento descrive i principali risultati di tale analisi svolta nei primi sei mesi del progetto da n gruppo di lavoro composto da esperti dell'Unità Operativa di Difesa dell'Istituto Agrario S. Michele a.A. (IASM), da ricercatori dell'Istituto per la Ricerca Scientifica e Tecnologica (ITC-irst), da tecnici dell'Ente Sviluppo Agricoltura Trentino (ESAT), da esperti dell'Associazione Consorziale delle Organizzazioni di produttori Ortofrutticoli Trentini (APOT) e da esperti dell'Associazione Trentina Agricoltura Biologica (ATABIO),
    2001
  6. Anna Perini; Angelo Susi; M. Delaiti; F. Martini; T. Pantezzi,
    PICO Project - Specifica dei requisiti software e Architettura del sistema,
    Il progetto "Sistemi di supporto alla Protezione Integrata di Colture Ortofrutticole ad uso dell'agricoltore e dei tecnici consulenti", di seguito chiamato PICO, si propone di sviluppare strumenti informatici evoluti ad uso degli operatori del settore ortofrutticolo nell'attuazione di pratiche agronomiche basate su principi di protezione integrata e di agricoltura biologica. Nella prima fase del progetto si è proceduto all'analisi del dominio applicativo al fine di individuare i principali bisogni informatici degli operatori di settore. Tale analisi è presentata e discussa nel documento di progetto "Analisi del Dominio Ortofrutticolo". Il presente documento illustra i requisiti software per un sistema di supporto alle decisioni ad uso del tecnico agronomo (tecnico di assistenza dell'ESAT, tecnico di ricerca IASM) e ne delinea l'architettura generale. Tale attività fa parte del Workpackage 3 del piano operativo del progetto PICO che comprende le attività tipiche dello sviluppo di un sistema software quali la specifica dei requisiti, la specifica dell'architettura del sistema e la progettazione di dettaglio dei suoi moduli, l'implementazione e il testing. Tali attività sono state realizzate seguendo una metodologia di ingegneria del software in corso di sviluppo presso l'IRST, denominata Tropos, presentata a conferenze nazionali e internazionali e brevemente illustrata nel Deliverable di progetto W2D1, assieme alla valuatazione di alcune tecnologie IT di interesse,
    2001
  7. Anna Perini; Angelo Susi; M. Delaiti; F. Martini; T. Pantezzi,
    PICO Project - Valutazione di prodotti commerciali e tecnologie utili al progetto,
    Il progetto "Sistemi di supporto alla Protezione Integrata di Colture Ortofrutticole ad uso dell'agricoltore e dei tecnici consulenti", di seguito chiamato PICO, si propone di sviluppare strumenti informatici evoluti ad uso degli operatori del settore ortofrutticolo nell'attuazione di pratiche agronomiche basate su principi di protezione integrata e di agricoltura biologica. Il presente documento si riferisce alle attività collocate nel Workpackage 2 - Definizione di metodologie e tecnologie per il progetto - del progetto esecutivo di PICO, attivita' che contribuiscono al raggiungimento dell'obiettivo 1 (Analisi dominio e definizione metodologia progettazione) e dell'obiettivo 2 (Architettura sistema e dati in formato elettronico) descritti nel progetto esecutivo. In particolare, nel documento si descrive la metodologia di ingegneria del software scelta per la realizzazione delle attività di analisi del dominio applicativo (Workpackage 1), delle attività di specifica dei requisiti del sistema software e di progettazione dello stesso (Workpackage 3). Esso include, inoltre, una valutazione su tecnologie utili al progetto, i cui risultati contribuiscono all'analisi di requisiti non-funzionali e supportano eventuali scelte a livello architetturale,
    2001

Pages